MOSTRA FOTOGRAFICA SU PUNK E CREATURE SIMILI

Sto cercando di organizzare una mostra fotografica collettiva su "punk e creature simili". Gli anni coperti dalle immagini andrebbero dal 1977 al 1988. Colore, dia o BN, va bene tutto. Le mie foto partono dal 1980. Qui inizio a pubblicarne alcune mie, di Mungo, di Fausto Porta, e di Peppe. X contatti e info vedi indirizzo nel footer.

A queste foto tengo particolarmente, perché le ho scattate all'HELTER SKELTER, il  mio clebbino preferito, dove con la musica sperimentale abbiamo veramente spaccato (orgogliosamente parlando).  Ogni tanto aggiungerò qualche concerto.

Borghesia 1986...
Quando la Jugoslavia...
ci dava la linea...
di combattimento elettronico.
Legendary Pink Dots 1986...
elettro-wave con violino
Peggio Punx
Maf: Messa a fuoco. Tribù Liberate Bergamo

LEGGI I COMMENTI

Angela da nowhere
  07-02-09 06:53
“'85-'87 HelterSkelter” (di Angela Valcavi, (tratto dal libro bianco sul Leoncavallo, DP, Milano 1989)

L'Helter Skelter ha rappresentato, all'interno del Leoncavallo, uno dei più grossi momenti di rottura con la tradizione dell'aggregazione politica tipica delle esperienze degli anni '70; il centro sociale Leoncavallo, proprio per la sua storia e il suo trascorso politico, aveva modi e linguaggi molto diversi da quelli da cui l'Helter Skelter aveva avuto origine.
Occorre perciò fare un piccolo salto nel passato per capire come e da cosa è nato l'Helter Skelter e come si poteva innestare su di un'esperienza tanto differente.
Nei primi anni '80, a Milano, come in altre città italiane, esistevano varie situazioni di aggregazione politica e sociale molto forti e produttive, che avevano elaborato un loro nuovo e proprio linguaggio, ed erano scaturite da ambiti punk, anarchici e più in generale da entità che non si erano lasciate sopraffare dalla "crisi del movimento" degli anni '70, ma avevano parecchie cose da esprimere ed avevano così dato forma a progettualità molto ricche.
Nuove occupazioni di spazi, intese come ambiti di espressione di socialità, erano nate in diverse città, veniva messa in atto la pratica del produrre da se stessi, al di fuori delle regole commerciali e del sistema ufficiale; tutto quanto permetteva di mettere in circolazione idee, percorsi ed azioni (autoproduzione).
A Milano la realtà più rappresentativa era il Virus, che aveva sede all'interno di un'altra occupazione storica, quella di via Correggio 18, che era un punto di aggregazione e di scambi veramente importante nel tessuto antagonista, al quale però, molti nell'arnbito della sinistra, guardavano con sospetto. Questo soprattutto a causa di quello che era il linguaggio adottato e perchè non veniva accettata la possibilità di una diversità culturale e formale che creava una difficoltà di verifica delle eventuali affinità di percorso politico.
Le persone che costituirono l'Helter Skelter avevano vissuto all'interno di questo ambito, di queste esperienze, avevano vissuto sulla pelle l'essere "antagonisti" a Milano.
L'occupazione del teatro Miele (vuoto da anni e subito sgomberato) fu il primo tentativo, da parte di quello che diventò il nucleo dell'Helter Skelter, di costruire una realtà di aggregazione. Quindi fu sgomberato Correggio/Virus (15/5/'84). Vi fu la contestazione/occupazione del convegno sulle bande giovanili al teatro di Porta Romana e furono organizzate diverse uscite cittadine, per esprimere direttamente ciò che era la nostra pratica politica e per rivendicare una nostra esigenza di spazi e di comunicazione in quanto espressioni antagoniste.
Con lo sgombero di Correggio/Virus però, era stata aperta una grossa piaga all'interno della città.
Alcune delle situazioni occupate ancora esistenti a Milano (nate dalle esperienze della metà degli anni '70), diedero il loro appoggio che si concretizzava nella possibilità di usufruire dei loro spazi.
Così il centro sociale Garibaldi, il cento sociale Piave e il Leoncavallo divennero dei punti da cui partire con nuove iniziative. Fu in questo contesto che iniziò al Leoncavallo un rapporto di collaborazione da parte del futuro collettivo dell'Helter Skelter, ed e necessaria questa piccola storia a posteriori per capire le difficoltà che potevano esistere nella convivenza di due modi di esprimersi come potevano essere il nostro e quello del centro.
Le prime iniziative che organizzammo all'interno del centro sociale Leoncavallo venivano firmate: "Quelli Amen", "Quelli di Fame", "SMD", e "Creature Simili", cioè quelle entità, fanzine e gruppi multimediali che erano entrate in contatto tra loro.
In seguito la redazione di Fame, con Atomo e Gomma, chiese l'agibilità di una stanza come sede della fanzina. A testimoniare l'apporto culturale all'interno del centro, nell'estate dell'84, si tenne al Leoncavallo la riunione di Punkaminazione, che era una fanzina di collegamento nazionale di tutte le realtà antagoniste e rappresentava un momento molto importante nell'ambito della comunicazione e dell'informazione politico/culturale.
Fu un impatto abbastanza difficile il nostro, con l'esperienza del Leoncavallo proprio a causa di questa differenza di ambiti, di scelte e soprattutto di linguaggio.
Allora però, il Leoncavallo viveva una situazione di impasse, proprio perchè il centro non aveva tenuto conto di come le esigenze, soprattutto giovanili, si erano andate modificando nel corso degli anni, e così l'arrivo di nuove entità portò ovviamente maggior energia oltre che nuove proposte e alle iniziative iniziò a partecipare sempre più gente.
Nell'inverno dell'84 chiedemmo al comitato d'occupazione di poter utilizzare uno scantinato all'interno di una palazzina del centro, come punto di riferimento per la nostra realtà e per poter dare una continuità alla nostra progettualità.
Così nel dicembre/gennaio successivi l'Helter Skelter iniziò la sua attività con il concerto di O! Kult, un gruppo sperimentale di Ljubljana, al quale seguirono molte altre iniziative.
Come concerti: Borghesia (YU), Legendary Pink Dots (H), Sonic Youth (USA), The Ex (NL), Art Deco (H), e molti altri gruppi sia italiani che stranieri che in comune avevano adottato una pratica non commerciale e ai di fuori del business della musica.
Films: dai super 8 di R. Kern (USA) alla proiezione di pellicole sperimentali, alle performances multimediali di Etant Donnes (F) e Staal Plaat (NL) e molte altre iniziative che rapprescntavano il filo lungo cui si snodava la nostra progettualità multimediale, e che esplicavano la nostra realtà attraverso tutte quelle sfaccettature che la compenevano e che erano la nostra pratica politica.
Una pratica politica, la nostra, che non era fatta di rapporti con il quartiere, questione cara al Leoncavallo, ma di rapporti con il tessuto metropolitano, con il resto della città.
Per questo le nostre uscite avvenivano nel centro della città, gli "attentati mentali", delle vere e proprie azioni di strada, avvenivano nel cuore della città borghese, delle compere del sabato pomeriggio, della signora impellicciata e del ragazzotto da discoteca, perchè avevamo delle cose da lanciare, da buttare addosso a quella Milano addormentata su tutto.
Nell'estate dell'87 si conclude l'esperienza dell'Helter Skelter. Le cause possono essere diverse, ma una fra tutte può essere quella che ha decretato la chisura di quell'esperienza: un momento di implosione di tutto il movimento antagonista, che ha messo a dura prova la nostra progettualità in un momento in cui era necessaria una verifica per poter continuare a vivere e ad essere realmente incidenti nella realtà.
In ogni caso, nonostante la diversità del nostro progetto rispetto all'esperienza del centro sociale Leoncavallo, sono rimaste le tracce di quello che è accaduto oltre il portone dell'Helter Skelter e quelle tracce sono riscontrabili in quella che è stata l'apertura del centro a diversi linguaggi e realtà che nello spazio del Leoncavallo hanno trovato una possibilità di espressione.

leo
  21-01-07 01:29
Sono di Pesaro, il C.S. si chiamava Manicomio.
Ne capivo e ne capisco poco di musica, era l'aria che si respirava che mi piaceva........devo ancora avere da qualche parte il primo numero di Decoder.

Gomma x Leo
  20-01-07 18:45
Grazie, sn commosso. Di che città 6?
L'Helter ha chiuso nell'88. I pink Dots credo fossero nell'87

leo
  20-01-07 17:35
Sono arrivato a milano nel 84/85 e ci sono rimasto per 3 / 4 anni, non sapevo nemmeno che potessero esistere posti come Helter Skelter.
Una sera al Leoncavallo c'era una festa della comunità eritrea e sotto all' H. S. un concerto punk, la gente si mescolava... punk che mangiavano dagli eritrei e bambini eritrei che ridevano guardando quelle strane creature......
quando penso ad un mondo diverso mi viene sempre in mente quella scena.
Non ero punk ma ricordo con immenso piacere concerti come quello dei Legendary Pink Dots, con la corrente che saltava di continuo, Negazione che stavano per partire per gli USA, uno dei primi concerti dei Casinò ....
Ricodo anche con orgoglio che, grazie a Gomma, il centro sociale della mia città è riuscito a portare 3 o 4 gruppi milanesi ad una 3 giorni estiva (Impulsive Youth, P.S. and the Hollywood party (?).....che anno era 88 / 89? )

Ciao Gomma!


INSERISCI IL TUO COMMENTO

Nome *
Luogo *
Messaggio *

Per favore, inserisci la parola che vedi nell'immagine seguente. Questo serve per prevenire lo SPAM. Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.
Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM
 

gomma.tv è una produzione di "Gomma".  No uso commerciale.
Cookies e privacy
La sezione Podcast è amatoriale. Licenza Siae 666/I/06 - 793

TUTTE LE GALLERIE PHOTOZ

Jello Biafra 2011 - Guarda le foto del concerto
Biafra con i Guantanamo School of Medicine a Milano, mercoledì 22 giugno 2011. Jello sei un GRANDE!
Shocking Tv 2009 - Le foto!
Gli Shocking Tv si sono riformati e spakkano di brutto!
Corteo "Riprendiamoci Conchetta" 24 gen 2009
Il corteo per riprendersi ciò che illegalmente ci è stato tolto!
Foto di interni e di wall-painting all'occupazione della Statale di Milano 1990 (Pantera)
Immagini scattate durante i primi giorni dell'occupazione della Statale durante il movimento della "pantera", a inizio anni Novanta.
Foto di un concerto dei Wretched e alcuni pensieri
Ho ritrovato delle foto dei Wretched da me scattate all'Helter Skelter a Milano nel 1986: cos'erano i Wretched per me in un determinato periodo della mia vita.
Anarcopunk pics
Bellissimi scatti di Laura Raf Punk sulla scena anarcopunk inglese 1982.
La lingua batte dove...
Un fotomontaggio di rara potenza e ironia tratto da Decoder numero 1.
Ciclisti a Zanzibar (Tanzania)
Come in Africa usano la bici.
Le foto della presentazione del libro "La luna sotto casa" di Moroni-Martin
Le foto e la registrazione audio dell'evento
Pantere Nere!
Immagini e grafica dall'incontro con Fredrika Newton delle Pantere Nere.
Il mio fotodiario al G8 di Genova - secondo giorno
Due indimenticabili giorni de paura (molto "fix of reality").
Il mio fotodiario al G8 di Genova - primo giorno
Due indimenticabili giorni de paura (molto "fix of reality").
Leggende AHC in Italia anni 80
Tra il 1983 e il 1989 molte band importanti dell'hardcore amercicano hanno calcato i palchi italiani.
Immagini e volantini dal Festival HC al Boccaccio 003
Scatti, immagini e volantini dalla mostra sulla storia del punk hardcore americano, al Boccaccio di Monza, durante le giornate del Festival. Inclusa la devastante performance degli MDC (foto + VIDEO).
Foto Cccp Fedeli alla Linea: 1982-1985
Orgogliosi scatti filosovietici
Mostra fotografica
Vuoi partecipare a una collettiva fotografica?
Mostra fotografica (page 2)
Ritratti e foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 3)
Foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 4)
Altre foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 5)
Hardcore sei stato il primo ammore
Mostra fotografica (page 6)
Hardcore sei stato il primo ammore (parte 2)
Mostra fotografica (page 7)
The crazy gigs @ Helter Skelter
Mostra fotografica (page 8)
Salta salta con Linea Diritta e le foto HC da Vittorio
Mostra fotografica (page 9)
L'arte fotografica di Bicio
Silver Surfers - Live at Helter Skelter 1986
Stage dei Silver Surfer (garage punk) sull'infuocato palco del "clebbino".
Shocking Tv - Live at Helter Skelter 1986
Stage psycho degli Shocking Tv.
La old skul school di Flycat 1989
Un'incredibile scuola di writing sotto un ponte di Rogoredo (Milano).
Linton Kwesi Johnson a Milano 1985
Fotografie da me scattate durante la performance a Milano nel 1985, anticipata dalla contestazione dei punx per la carenza di spazi autogestiti e case.
Photogallery da pellicole di Richard Kern
Snapshot da film dell'underground newyorchese anni Ottanta
1984 in Ticinese. Un tranquillo sabato di casino punk
Uno dei cortei spontanei che i punk erano soliti fare al sabato pomeriggio in Ticinese
31 marzo 1984. DOA al Leoncavallo
Quello della band hard-core canadese fu il primo gig punk al Leoncavallo
Henry Rollins live at Helter Skelter 1987
Esiste band più inumana?
Un concerto dei Raf Punk
Trasgressione formato famiglia.
Flycat e la crew dei "Pals with Dreams" bombardano la Metropolitana Milanese - 1989
Avventura notturna a decorare i treni e i muri. Con fuga finale