TAGCL0UDZ DI QUESTO CIELO

 anarchia   antiproibizionismo   arte   bbs   beat   Beat   Beatnik   bianchi   bici   Bike   Biker   bologna   Boy   censura   cinema   Clubber   contestazione   cyberpunk   di   diossina   diritti   disastri   droghe   dub   Edelweiss   Esistenzialisti   festival   Gammler   Gang   Glam   Gutai   hacking   hardcore   hashish   Hip   hip-hop   Hippie   hippy   HopRaver   Hot   industrial   libertà   libri   londra   lsd   Messenger   metal   milano   Mod   movimenti   musica   mutoid   neri   New   new_wave   no_global   nucleare   Paninari   Piraten   pirati   poesia   Primo_Moroni   programmazione   Provo   Punk   punx   radio   Raggare   rap   Rasta   rave   realta'_virtuali   reti   ribellione   Rockabilly   Rocker   rodder   roma   scherzi   Skater   skin   Skinhead   squat   Stilyagi   Surfer   Swingjugend   taz   techno   Teddy   tibet   Traveller   tribalismo   tv   underground   video   Viper   writing   York   Zazou   Zootie 

Foto di un concerto dei Wretched e alcuni pensieri

Ho ritrovato delle foto dei Wretched da me scattate all'Helter Skelter a Milano nel 1986. Dei Wretched si è fatto un gran parlare negli ultimi anni, ma loro sono come scomparsi. La loro totale assenza (insieme alla loro importanza non solo musicale) ha contributo a creare una specie di mito. Non sarò certo io a volerne scriverne la storia (ci pensi qualcun altro, se ha la voglia e il coraggio). E nemmeno voglio parlare dei componenti che pure ho sempre stimato. Ma queste foto mi hanno fatto venire in mente le sensazioni che ho provato quella notte mentre li vedevo suonare. Solo questo voglio raccontare: cos'erano i Wretched per me in un determinato periodo della mia vita.

Ho visto almeno 15-20 concerti dei Wretched, più o meno da quando si sono formati, ma il periodo delle foto - a metà degli anni Ottanta - me lo ricordo bene. Non potrò mai dimenticare che, insieme ai Cheetah Chrome Motherfuckers, erano gli unici che mi facevano VERAMENTE venire la pelle d'oca. Non lo dico in senso metaforico: avevo la sensazione fisica sulle braccia. Uno potrà pensare che la faccio grossa, che racconto palle, che mitizzo il passato o che ero rinconglionito già allora. Ma era così: l'esperienza di un loro live in quel periodo era profonda. E lo si può vedere dalle facce e dall'atteggiamento del pubblico in queste foto. Pochi si agitano sotto il palco. La maggior parte è ferma come congelata. Nessuno scherza o parla. Era più che un concerto. Era una performance più vicina all'industrial che al punk o all'hardcore. Una specie di muro di rumore e urla. E tutto quel nero, dei vestiti, degli striscioni con la loro grafica precisa e dura, sempre con poca luce, sempre in  sposti difficili (nelle foto siamo in uno squat senza finestre in pieno inverno). Secchi, senza fronzoli, austeri, minimali. Anche nei testi. Il tutto aumentava la drammaticità. Da quei concerti non uscivi divertito. Uscivi sconvolto, rimestato all'interno.

  • Wretched photo
  • Wretched picture
  • Wretched immagine
  • Wretched photo
  • Wretched picture
  • Wretched immagine
  • Wretched photo
  • Wretched picture
  • Wretched immagine
  • Wretched photo
  • Wretched picture
  • Wretched immagine
  • Wretched photo

LEGGI I COMMENTI

Paso da Cesena
  20-09-15 17:09
Che tristezza leggere certi commenti... La scena punk hc in Italia non esiste... Ma dove vivete, nelle caverne? Se per voi non esiste, forse manco ve la meritate...

johnson da bo
  22-10-13 12:00
..pero' i dischi li ho tutti e ancora li riascolto everiday

johnson da bo
  22-10-13 11:59
mah si.. io ho dei ricordi della gente di milano che un pochino se la tirava.. un peccato. poi mi sono rotto i coglioni perchè ritrovavo le stesse dinamiche della scuola cioè il simpatico quello atteggiato lo sfigato il poser l'altro poser e l'altro ancora e poi i liderini politici, quello con la parlantina e io che stavo zitto che a 17 anni già mi sembrava una gran cosa girare per l'europa berlino amsterdam pero'.. l'unica era che a volte incontravi gente che per il fatto di essere punk ti ospitavano ecc ecc.. direi c'era gente spontanea e altra un po' meno.. ma che bella scoperta.. gruppi: i mejo erano ccm, declino, negaz.ne, r.p., ma ognuno ce la metteva tutta e pensare che la scena italiana forse era la piu densa e creativa.. nel giro di 3 anni mi è scesa, 85 tutto finito (per me eh.. ) bYe

cerchia da cogliate
  21-01-13 20:02
cercasi foto concerti virus viale piave

cerchia da cogliate
  15-04-12 13:04
troppo forti speriamo che facciano un ulteriore concerto come i peggio punx per far rivivere quei momenti

Cesare da Varese
  24-08-10 11:30
Mi ha fatto riemergere tutto , essendo ritratto in un 2-3 di quelle foto, non posso che sottolineare il gelo, di quella notte, e pochi tentavano il pogo, anche se avrebbe scaldato, ma l'alcool in corpo faceva la sua parte, almeno parlo per me, si stava raccontando qualche cosa in una maniera nuova e vecchia insieme.
Una sorta di racconto verbale e teatro di performance, non musica, staticità assoluta nello spettacolo azzerato. Mai più ho potuto assistere a una cosa del genere, si qualche cosa di simile con C.C.M. , ma sapevano un pò più suonare, mi spingo ad aggiungere i Raw Power, l'altra controparte dei Wretched, nel panorama Italiano di quegli anni.

Io, un pò di coraggio me lo farei venire, cè qualch'uno che vuole aggregarsi?

Grazie Gomma, per riaprire pagine di storia che andrebbero un pò più approfondite.

Cesare

Scrivetemi se avete info o materiale su i Wretched, e coraggio:
ombre.paesaggio@libero.it

Mike da Bg da Clusone Bg
  23-06-10 21:56
X Aleks da Milano: voglio essere libero e selvaggio si :)...non molliamo per un cazzo in mezzo ai monti...fra poco saremo due gruppi hardcore pronti a infiammare la Bergamasca...adesso stiamo riuscendo a trovare qualche data anche fuori dalla valle x suonare ma è dura..soprattutto perchè non vogliamo conformarci nei soliti concertini nei pub o ai concorsi della zona...settimana scorsa abbiamo portato a spalle gli strumenti alla mia baita e abbiamo fatto un bel concerto.
comunque io non ho nostalgia del passato..penso solo che sarei dovuto nascere tipo 50 anni fa..adesso a parte la scena punk in italia che non esiste, tutto è una merda..le nuove generazioni si bruciano il cervello davanti a facebook o davanti alla televisione invece di incazzarsi come bisognerebbe fare vedendo la vita noiosa che ci propone la società

G. da padova
  13-06-10 19:02
Non sono mai stati tra i miei preferiti, sia per la musica che per i testi all'epoca preferivo indigesti o peggio punx, ma dal vivo.... pazzeschi... a Ferrara ad un loro concerto fu la prima volta che mi buttai nel pogo. indimenticabili, conservo gelosamente tutti i loro dischi.

aleks da Milano
  29-04-10 03:10
Non per criticare il parere, le riflessioni, le emozioni e i pensieri di nessuno.... ma la nostalgia non serve a nulla, quando poi non si è vissuto quel periodo (io non lo ho vissuto), e non fa bene al presente e al possibile futuro... anche se, con certi presupposti, vedo il futuro assai rarefatto...

Giovane Punx da Bergamo
  12-04-10 18:19
Bei tempi,purtroppo passati,che non vivremo piu..avrei voluto vivere quel periodo..anche perchè a parer mio,la scena di oggi fa proprio pena..Grande gomma,che insieme a tutti gli altri del periodo hai vissuto quegli anni!
un saluto!

Aleks da Milano Mike da b da triangolo della morte
  12-03-10 15:04
Vorrei fare una puntualizzazione per mike da bg. Anche io quando avevo 18 anni me ne stavo al paese mio e giravo poco milano... anzi a dirla tutta quando avevo 18 anni andavo a milano il pomeriggio per presidi e manifestazioni e se proprio si riusciva si stava a qualche concerto la sera in qualche centro sociale o squat (passando spesso la notte in stazione) Purtroppo la realtà della provincia non è il massimo ma si deve partire sempre da un punto. se si riesce a creare qualcosa nella propria situazione è sempre meglio che viverne una sporadicamente... L'importante è credere sempre in se stessi e battersi fino alla fine per le proprie idee...giusto per ricondursi al post, proprio cm ci hanno insegnato i wretched... Vuoi finire cieco e muto o libero e selvaggio?

garghyxxx da milano
  13-02-10 14:14
per me i wretched come per molti della mia generazione, cioè quella nata negli anni 90 coi punkreas e bad religion sono stati un pò la porta per entare nel mondo dell'oltranzismo hardcore! quindi sono stati fondamentali!! i loro testi spronano veramente a reagire!! loro erano quello che ora definirei un gruppo positivo!! nonostante non erano straight edge e si vestivano di nero! mi è spiaciuto sapere che alcuni di loro hanno quasi rinnegato il passato, almeno da quello che ho sempre sentito vociferare! mai arrendersi!!! dovrebbe essere l'inno hardcore definitivo! perchè loro denunciando l'orrore del presente, spronavano a costruire un futuro!!!!! XXX

enzo da varese
  07-02-10 10:14
c'ero anch'io,al virus e mi ricordo di maniglia e placido,e di te gomma ti ricordo alto e sempre con gli stivali,mi viene in ,mente il concerto di un gruppo islandese gli jonee-jonee che si presero un paio di scappellotti solo xkè erano vestiti tutti e 3 uguali si era diventati conformisti all'anticonformismo bel concerto fu quello degli amebix e dei finlandesi bastard ciao

Mike da Clusone(bg)
  26-01-10 19:53
Ovviamente non molliamo, siamo determinati, comunque i Wretched sono veramente mostruosi, canzoni come senti il richiamo o sezionati vivi mi fanno venire la pelle d'oca

silvano da canicattì per Mike da bg
  13-01-10 23:09
non mollate!!!!

Mike da Clusone(bg)
  20-12-09 10:12
è facile per voi parlare di squat e posti del genere, io ho un gruppo punk hardcore da un anno e qualche mese, non sappiamo dove suonare... veniamo dalle montagne, siamo riusciti a suonare al cs cantiere di milano a novembre e per noi è stato già qualcosa, ci portiamo dietro sempre una ventina di persone ai nostri concerti che spaccano sempre tutto.
ovviamente odiamo i centri sociali tipo il cantiere ma d'altronde non sappiamo dove suonare; siamo allo sbaraglio.
Guardo la scena degli anni 80 e capisco che adesso è uno schifo, voi dite che non è morta questa scena ma io personalmente che ho 18 anni e vivo in un paesino della provincia di bergamo come faccio a vederla questa scena?? non so cosa fare

luca da milano x gomma
  24-09-09 19:01
sì in effetti quei 2 punti (occupazione e autoproduzione) sarebbero interessanti da approfondire.

Aleks da Milano
  08-09-09 10:43
In qualsiasi caso i wretched rimangono e penso saranno sempre il gruppo più radicale di tutto l'hardcore italiano. Una pietra su tutta la storia del punx e di tutto un certo tipo di discorso. A me le canzoni dei wretched, mi hanno cambiato la vita.... e ce' qualcuno che dice che la musica non ha questa forza. I wretched erano un concentrato di odio, amore, disperazione, rivolta, rabbia...Quello che hanno deciso di fare dopo il loro scioglimento sono fatti loro, ognuno reagisce a suo modo, e tutti devono rispettare le scelte altrui, altrimenti col cazzo che si parla di anarchia. Certo ci puo' essere stuporeed anche incazzatura per determinati comportamenti, ma ogni individuo è libero di fare ciò che vuole (sempre non calpestando la libertà altrui). Penso che i wretched l'avessero fatto capire abbastanza questo discorso....
Ringrazio ancora per lo spazio, massimo rispetto per i wretched e per tutti i gruppi autogestiti ed anarchici degli anni 80. La scena cmq non è morta, e se è poco visibile è perchè la gente non si sbatte. Massimo rispetto per tutti i gruppi anarchici e autogestiti del 2009!!!RIBELLE PER MODA RIBELLE PER NIENTE!

aleks da Milano
  07-09-09 15:59
Personalmente credo che esista ancora una forza e un determinato tipo di radicalità. Gli squat esistono ancora e ce ne sono molti in cui si sente un vero spirito di cambiamento, di discussione del concetto di vita normale, un continuo sperimentare di nuovi metodi contro il quieto vivere casa-lavoro-famiglia. La musica è tutto un 'altro discorso, io ascolto punx-hc-crust e vivo a milano e, girando ai concerti da un bel po' di anni, ho visto come anche tra la musica degli squat ci sia un continuo rigirare di mode.... Per intenderci, Milano ha avuto il suo momento Oi!, il suo momento Hc americano, il suo momento trash-Metalcore.... A differenza di altre città(prima fra tutte Torino, che pur avendo una particolare storia, ha sempre sfornato grandi gruppi diversi musicalmente ma allo stesso tempo legati da un filo conduttore comune) Milano ha sempre subito le varie mode del momento.... Molti gruppi usano i palchi degli squat solo come inizio della loro carriera musicale, scomparendo dopo un anno con un bel contratto indie in tasca. Il grosso problema dei giorni nostri è che non si supporta sufficientemente la scena ( parlo sempre di Milano) Trovandosi sempre in 10-15 persone e senza un vero ricambio generazionale. Tutto questo è diverso soltanto spostandosi verso Modena e Bologna dove la presenza ai concerti è massiccia, dando ancora buoni esempi di do it yourself e autogestione, sia nella musica che nella vita.
Ringrazio per lo spazio

gomma x gg da mountains
  13-07-09 15:43
grazie gg hai scritto delle belle parole. attendiamo che qualcuno risponda. magari tiro fuori la discussione da qui e la metto sulla homepage (se tecnicamente ci riesco, mo' ce provo).

quanto a me: gli squattacci e gli abbestia di ogni ordine grado mi sono sempre stati simnpatici e sarà difficile che alla soglia dei 50 mi passa. mi chiedo se questo è il problema in generale dei "vecchi" sui "giovani" (ma non se esiste, credo sia + una storia di testa che di età.
forse è di + una dinamica legata alle sconfitte:
sulle occupazioni sulla lunga si perde (così la penso, magari spiegherò meglio);
sulle autoproduzioni sulla lunga si perde (anche qui posso spiegare meglio)
o legata anche ai cazzi della vita, che ti trovi con un figlio in un mondo lontano milioni di anni luce perché sei abituato al tuo piccolo mondo fatto di relazioni in fin dei conti più civili del mondo civilizzato.

Insomma molta dell'amarezza viene dalla sconfitta e dallo scetticismo che certe cose hanno un senso solo temporale, quasi sempre generazionale (fuori dal tempo del lavoro), e che quindi prima o poi finiscono.

e si ritorna alla precedente vita di merda (prospetticamente parlando, se volgiamo parlare di un mondo migliore)

ri-gg da sempre dalla stessa montagna...
  13-07-09 14:50
mh...secondo me dipende molto dall'ambiente. i gruppi che vedo recensiti qui, anche gli ESF che sono amici per intenderci, hanno intrapreso vie più "istituzionali" nel senso che hanno deciso di suonare ovunque..ma non è un discorso solo di suonatori. Per me, vedi, l'hcpunk in italia è morto ben prima, nel 84, ai tempi dello scazzo CCCP/attack per intenderci ma non è qui che voglio arrivare. Io la stessa energia dirompente la trovo oggi in alcuni posti e so che sono pochi e perlopiù sono squat distanti dal "immaginario collettivo" del centro sociale, sono posti che la maggior parte delle persone "scansa" perchè sono o troppo politicizzati o troppo abbestia, per capirci. Il fatto è che, come ho vissuto ad esempio ad un concerto "reissue" degli Impact all'XM24 a bologna..io ci sono andato la settimana prima come "suonatore" e la settimana dopo a vedermi gli impact...beh, ti garantisco che l'energia che ho sentito quando ho suonato era diversissima e per alcuni versi molto più "sovversiva" di quella che ho sentito al concerto impact anche se è stato bellissimo..compreso rivedere gente che non vedevo da anni. Però..è proprio l'impostazione che non condivido.
La complicità che sento quando suono adesso coi ragazzetti che si massacrano sotto il palco è la stessa che c'era a suo tempo. I discorsi che si fanno a concerto finito sono gli stessi. Certo, può dar fastidio a uno di 40 e passa anni vedere che ci sono personaggi disposti a vivere ancora con la stessa incazzatura? da fastidio vedere ancora gente disposta a vivere in squattacci? a me no e in questi posti mi sento ancora a mio agio.
Trovo abbastanza patetico ricordare sempre gli anni 80 come qualcosa che non c'è più e poi fare la faccia schifata difronte al punkabbestia che trovi per strada..per molti versi, hai ragione, la situazione è cambiata. Penso sia un discorso lungo e assai complesso. A me semplicemente non piace chi dall'esterno guarda e giudica, che era una cosa che gia negli anni 80 mi sembra facesse abbastanza fastidio. Chi dice che ora non c'è niente o poco non conosce il punkhardcore attuale, oppure conosce quello "istituzionale" da locale autogestito più che da squottone occupato. La realta ad esempio chiamata "anarcopunk" esiste ed è infinitamente più "pericolosa" di allora...solo che alle volte il troppo pericoloso fa paura.

gomma x gg da montagne
  13-07-09 13:56
essere contro l'amarcord è uno dei motivi per cui pubblico interviste ai gruppi contemporanei (anche a seguito di numerose simpatiche proteste degli utenti meno passatisti, che mi hanno convinto). posso però dire che quel passato è irripetibile? con la sua forza dirompente e la sua radicalità? mica metto in dubbio la sincerità degli attuali musicisti o degli occupanti, io però farei però veramente una cesura sia con la fine del punk (secondo me 1986 e poi quella dei centri sociali secondo me a metà degli anni 90). adesso ci sono cose nuove, a mio avviso molto diverse, ne meglio ne peggio, dico solo diverse. se vuoi ne parliamo con calma anche con gli altri che seguono ste storie.

grazie per il tuo intervento spero se ne possa discutere in tanti senza incazzosità.

gg da dalle montagne...
  13-07-09 13:13
Scusa gomma...però una cosa non mi dispiacerebbe farla notare. Di concerti dei wretched, negazione, indigesti, impact ecc ecc me ne sono visti tanti allora. Di virus ne ho visti due, anche bene suonandoci in più occasioni come in altri posti in italia. Quello che non ho fatto è smettere di suonare e smettere di suonare nelle stesse situazioni anche adesso che di anni non ne ho più 14 o 15. Ti assicuro che la bolgia c'era allora e c'è anche adesso...anzi, in alcune occasioni di rovina c'è n'è anche di più. Non mi piace vedere e annusare l'amarcord che ritorna regolare da chi è uscito da un certo giro e regolarmente "sputtana" quello che c'è adesso. Probabilmente chi lo fa non si è mai ritrovato in squat non "istituzionalizzati". Gruppi HCPunk del tenore politico dei wretched ce ne sono ancora...certo, non sono quelli che trovi ne su myspace ne che si fanno le fotosession per l'etichetta "alternativa" ma li trovi, come i wretched allora, nei posti, che organizzano, che tengono vivi gli squat, in manifestazione...insomma, basta con l'amarcord dei bei tempi andati. Lo spirito che ci ha animato allora c'è ancora...certo, non è sceso a patti con le istituzioni per farsi dare un "posto" ma c'è.. e vive; probabilmente chi rimpiange i bei tempi andati dovrebbe farsi un giro nei posti realmente occupati e non in quei locali "alternativi" che chiamano "Centri Sociali", ai concerti punkhc, ai presidi...ma si sa, con l'età viene tutto un po' meno.

enrico da verona
  31-05-09 10:20
ho conosciuto i Wretched grazie al loro batterista di fine anni 80 (Zambo di Verona)e mi hanno dato molto...ancora oggi che ho figli di 20 anni ascolto ogni tanto i loro dischi...sempre troppo attuali

luca da milano
  28-04-09 23:29
bello sto ultimo scambio di ricordi e battute. io non c'ero, sono venuto dopo e sinceramente non vedo come gomma possa aver dato via il culo. però siccome m'è capitato qui sul suo sito di infamare altra gente tipo ferretti (rispondendo a chi ne esaltava il nuovo corso), contravvenendo alle regole stesse del sito, allora colgo qui l'occasione per inserirmi e dire che ho sbagliato, ognuno è libero di fare le scelte che crede. pure di rinnegare il suo passato al limite, basta che non pretenda che gli altri facciano lo stesso e sia rispettoso a sua volta. comunque chiedo scusa a giovanni nel caso venisse qui a leggere; a giovà, SCUSAMI!

(e tral'altro non sono mai stato un suo grande fan, vuoi perchè non c'ero allora, vuoi perchè di quel periodo preferisco roba tipo wretched appunto.)

Gomma x Stefano da Modena
  22-04-09 14:57
Ciao Stefano, chiaramente non posso ricordarmi di te a meno che mi dici il soprannome o il giro o la tua band o la fanza o il tuo squat. Grazie x tutto. Venendo ai W: non voglio dare giudizi su nessuno. La vita è dura e duro è tenere fisso il timone (checchè se ne dica). Per esempio su di me ogni tanto ne dicono di cattive, eppure io penso sinceramente di non avere dato via il culo. Evidentemente c'è qualcuno che non la pensa così. Questo qualcuno poi magari fra 5 anni diventerà un vero stronzo o il re dei bottegai, ma io non lo saprò mai. Nel frattempo mi sono beccato i suoi insulti riguardo alla purezza. Quindi alla fine credo che ognuno debba fare i conti solo con se stesso, col proprio passato e col proprio presente. Io con me li faccio spesso, anche perchè ho un figlio e ciò mi aiuta a vedermi rispecchiato. Lungi da me vedere lo specchio degli altri, a partire dai Wretched, dal cantante dei CCCP e così via. In ogni caso anche io penso che se sei passato dal punk difficilmente muori non punk ma forse non è una regola fissa oppure ci sono tante letture del punk. Mi sono capito? ;-)

PS: ho perso il mitico manifesto dei DOA. Il giubbotto che c'è sopra è il mio (ce l'ho ancora, aspetto che sia mio figlio a buttarlo via). Se mi scrivi te ne sarei grato. Ti chiederò se me lo scansioni.

stefano da modena
  21-04-09 00:51
Ciao Gomma.Ho avuto l'occasione di parlare con te in quel del Leoncavallo diciamo più o meno 25 anni fa. Ho circa la tua età perciò capirai perfettamente cosa intendo dire quando parlo del significato che ha avuto per noi avere vissuto da dentro il periodo d'oro della scena hc/punk degli anni 80. Lungi da me ogni tentazione dall'essere patetico o nostalgico ma so' di cosa parlo quando dico che fu davvero un periodo magico!Il profumo di rivolta che c'era nell'aria... la tensione palpabile. Sentirsi fieri di ciò che si era e di ciò che si faceva. Avere la percezione di capire che il punk e tutta quella ragnatela di contatti al suo interno che si era venuta a creare in tutto il mondo, aveva assunto notevoli proporzioni ed era veramente diventato una minaccia per lo stato e per il sistema. Lo si capiva chiaramnte dal comportamento della polizia nei nostri confronti. Una cattiveria e una tenacia del genere da parte degli sbirri non aveva precedenti e non si è mai più verificata (per lo meno, non a quei livelli). Le occupazioni, il Leoncavallo( ero presente al mitico concerto dei DOA di quel 31 marzo organizzato da "Quelli di fame"... ho ancora appeso in camera il magnifico manifesto); il Virus( che per un certo periodo è stata la mia casa)e cento altre cose che richiederebbero un libro per raccontarle tutte. Mi è venuta voglia di scrivere queste due righe grazie alle belle foto dei Wretched (che ho conosciuto personalmente) che hai messo sul tuo sito. Sarà perchè il punk è la mia vita e io lo sarò fino alla fine dei miei giorni ma ,nonostante il rispetto che nutro per i Wretched e l'importanza che la band ha avuto, non riuscirò mai a capire quelli che, dopo avere vissuto certe esperienze e creduto in determinate cose, tagliano i ponti e non vogliono più ricordare quel periodo, non vogliono essere scocciati e fanno i sostenuti. Cosa devo pensare di codesta gente? Che hanno rinnegato il loro passato? Che non credevano fino in fondo a ciò che dicevano e facevano? Che hanno cambiato modo di pensare?Come ripeto,li ho conosciuti,conosco la loro provenienza sociale,ma non mi piace dire cattiverie perciò mi fermo qui. Scusa per la lungaggine, ma quando tratto questi argomenti,non mi fermerei più. Mi faresti felice se tu mi dicessi come la pensi in proposito. Ti saluto e ti faccio i complimenti per il sito e per il tuo lavoro. Ciao. St.

io da italia
  13-03-09 02:46
masterizzate masterizzate masterizzate, fotocopiate fotocopiate fotocopiate, duplicate duplicate duplicate, nel frattempo leggete e ascoltate!

gomma x arthur piss da faite\\\'
  25-02-09 10:23
va bene x il vecchio, va bene x il romantico, ma il ciccione me lo devi spiegare...

arthur piss da faite\'
  25-02-09 07:23
gomma sei un ciccione romantico...
brutta storia invecchiare.

comunque ti vogliam bene eh.

gomma x robx da milano
  10-02-09 08:43
mi hai letto nel pensiero.

robx da milano
  09-02-09 23:27
liberi di vivere,liberi di morire.
09 Feb 2009, mai così attuali, mai così veri

marcello da Copenhagen
  26-01-09 20:42
ma, il bassista dei wretched non era fabietto, che ra stato anche quello dei jumpers quando avevo 16 anni?

Alex da MIlano
  13-01-09 22:44
Uno dei gruppi che preferisco, credo che se avessi avuto 20 anni nel'83 sarei dentro il virus ora, cazzo i wretched spaccavano il culo peccato che sono troppo giovane per averli visto dal vivo

ndnt da morbegno
  04-12-08 14:22
Haaaa!!!!! I loro non erano concerti, era un rito che andava in scena, era come se una rabbia indicibile ti vomitava in faccia tutto lo squallore di una società mediocre, che indefferente cercava di cancellare tutto quello che considerava incomprensibile!!Era un urgenza cosi forte che sembrava che la loro vita dipendesse da questo oscuro chaos elettrico, SPANVENTOSO MURO DI SUONO!! I VERI WRETCHED ERANO QUELLI CHE UCCIDEVANO OGNI TUA STUPIDA ILLUSIONE DI UMANESIMO ILLUMINATO, RIPETO UN RITO,UNA DANZA SULLE FUTURE MACERIE DI GUERRE DEMONCRATRICHE!!! ORRORE....ORRORE....SENZA PIù RESPIRO,RIIMANEVO ALLORA...RIMANGO 'OGGI', TEMPI MEDIOCRI E PAVIDI, NON TORNERO INDIETRO, BYE-BYE, THANKS!!! ndntod.

klex da milano bovisa per da las pezia
  01-12-08 23:25
hey amico con chi ce l'hai? 6 un altro che sparge odio e che magari non fa un cazzo d'altro?

m x g da las pezia
  01-12-08 17:13
fai solo business.....altro che sentimenti nobili!!!!

gomma x Body da Vercelli
  16-10-08 15:02
eh ma quelli come vedi dal look sono dei tamarroni ;-) il pubblico "core" è rigorosamente ultraserio

Body Bomb da Vercelli
  16-10-08 14:58
Ma qualche sorriso s'intravede nell'ultima foto...

Lui Gino da Mare Mosso
  09-10-08 22:17
E' abb. difficile star "calmi" guardando foto del genere... Che grande vuoto oggi!

p da b
  09-10-08 14:43
inoltre apprezzo il riserbo di gomma, e non è la prima volta che lo manifesta qui sopra, tant'è vero che ormai pensavo non avresti mai parlato di loro, per rispetto alle loro volontà

buona giornata

p da b
  09-10-08 14:30
scusate tutti, ho sbagliato facendo quella domanda.
però vorrei fare loro il mio augurio di serenità ovunque siano.

gomma da mare calmo
  09-10-08 13:37
oh, raccomando a tutti di stare calmi e pacifici. ci ho messo un casino a pubblicare ste foto proprio perché non volevo scatenare reazioni troppo forti. è normale che sia così perchè erano troppo devastanti, ma soprattutto al posto nel giusto al momento giusto, quindi i Wretched sono stati in mezzo al CHAOS. Ma noi dobbiamo stare calmi perchè alla fine stiamo solo guardando delle foto. Se vedete che non rispondo non è perchè sono stronzo ma riservato. Certo anch'io spero che siano tutti ok.

raffica da bari
  09-10-08 13:33
i wretched quando li ascoltai (ovviamente su internet, ho solo 15 anni) furono uno di quei gruppi che mi colpirono di più, perchè con testi anche di poche righe esprimevano tutto, 3 righi intrisi di significato dietro ogni singola lettera (basti pensare a spero venga la guerra, meno di 45 secondi) e da allora li considero uno dei migliori gruppi dell'intera scena... avrei tanto voluto vederli, e queste foto che hai postato mi hanno permesso di conoscere un pò quello che era uno dei loro concerti... mi immaginavo un pubblico in fibrillazione, e invece sembrano appunto pietrificati, come tentando di rincorrere con l'udito ogni virgola che correva sull'hard core... grandi

p da b
  09-10-08 10:24
non ho voglia di ravanare in storie tristi ed ingloriose dell'entourage che ce ne sarebbero a rudo. li amavo, il primo disco, con i volantini su come si fa il servizio civile e la toppa in omaggio.li avevo sentiti alla radio alla trasmissione di toni face...13 anni ci avevo...beh, io spero che stiano tutti bene, e rispetta questo. ma pensa te...

luca da milano x paolo da brescia
  07-10-08 19:31
ha detto che non avrebbe parlato dei singoli componenti. you gotta respect the fact, man.

paolo da brescia
  07-10-08 11:18
scusa gomma, loro ci sono ancora tutti?

massi da bologna
  06-10-08 21:53
merda che potenza ste foto

luca da milano
  05-10-08 12:50
cioè il pulitzer, sorry.
wretched, wretched e ancora wretched!

luca da milano
  05-10-08 12:47
gomma ti dovrebbero dare il pulizter non skerzo.


INSERISCI IL TUO COMMENTO

Nome *
Luogo *
Messaggio *

Per favore, inserisci la parola che vedi nell'immagine seguente. Questo serve per prevenire lo SPAM. Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.
Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM
 

gomma.tv è una produzione di "Gomma".  No uso commerciale.
Cookies e privacy
La sezione Podcast è amatoriale. Licenza Siae 666/I/06 - 793

IN LIBRERIA E ONLINE

Ian Glasper
Anarcopunk. Il punk politico inglese (1980-1986)
460 pagine con decine di foto

INTERVISTE A E CONTRIBUTI DI: CRASS, POISON GIRLS, CONFLICT, FLUX OF PINK INDIANS, CHUMBAWAMBA, SUBHUMANS, DIRT, ICONS OF FILTH, ZOUNDS, ANTISECT, RUDIMENTARY PENI, RUBELLA BALLET, AMEBIX, HAGAR THE WOMB, MOB, OMEGA TRIBE, STALAG 17, OI POLLOI... E MOLTI ALTRI

TUTTE LE GALLERIE PHOTOZ

Jello Biafra 2011 - Guarda le foto del concerto
Biafra con i Guantanamo School of Medicine a Milano, mercoledì 22 giugno 2011. Jello sei un GRANDE!
Shocking Tv 2009 - Le foto!
Gli Shocking Tv si sono riformati e spakkano di brutto!
Corteo "Riprendiamoci Conchetta" 24 gen 2009
Il corteo per riprendersi ciò che illegalmente ci è stato tolto!
Foto di interni e di wall-painting all'occupazione della Statale di Milano 1990 (Pantera)
Immagini scattate durante i primi giorni dell'occupazione della Statale durante il movimento della "pantera", a inizio anni Novanta.
Foto di un concerto dei Wretched e alcuni pensieri
Ho ritrovato delle foto dei Wretched da me scattate all'Helter Skelter a Milano nel 1986: cos'erano i Wretched per me in un determinato periodo della mia vita.
Anarcopunk pics
Bellissimi scatti di Laura Raf Punk sulla scena anarcopunk inglese 1982.
La lingua batte dove...
Un fotomontaggio di rara potenza e ironia tratto da Decoder numero 1.
Ciclisti a Zanzibar (Tanzania)
Come in Africa usano la bici.
Le foto della presentazione del libro "La luna sotto casa" di Moroni-Martin
Le foto e la registrazione audio dell'evento
Pantere Nere!
Immagini e grafica dall'incontro con Fredrika Newton delle Pantere Nere.
Il mio fotodiario al G8 di Genova - secondo giorno
Due indimenticabili giorni de paura (molto "fix of reality").
Il mio fotodiario al G8 di Genova - primo giorno
Due indimenticabili giorni de paura (molto "fix of reality").
Leggende AHC in Italia anni 80
Tra il 1983 e il 1989 molte band importanti dell'hardcore amercicano hanno calcato i palchi italiani.
Immagini e volantini dal Festival HC al Boccaccio 003
Scatti, immagini e volantini dalla mostra sulla storia del punk hardcore americano, al Boccaccio di Monza, durante le giornate del Festival. Inclusa la devastante performance degli MDC (foto + VIDEO).
Foto Cccp Fedeli alla Linea: 1982-1985
Orgogliosi scatti filosovietici
Mostra fotografica
Vuoi partecipare a una collettiva fotografica?
Mostra fotografica (page 2)
Ritratti e foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 3)
Foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 4)
Altre foto di concerti a Milano
Mostra fotografica (page 5)
Hardcore sei stato il primo ammore
Mostra fotografica (page 6)
Hardcore sei stato il primo ammore (parte 2)
Mostra fotografica (page 7)
The crazy gigs @ Helter Skelter
Mostra fotografica (page 8)
Salta salta con Linea Diritta e le foto HC da Vittorio
Mostra fotografica (page 9)
L'arte fotografica di Bicio
Silver Surfers - Live at Helter Skelter 1986
Stage dei Silver Surfer (garage punk) sull'infuocato palco del "clebbino".
Shocking Tv - Live at Helter Skelter 1986
Stage psycho degli Shocking Tv.
La old skul school di Flycat 1989
Un'incredibile scuola di writing sotto un ponte di Rogoredo (Milano).
Linton Kwesi Johnson a Milano 1985
Fotografie da me scattate durante la performance a Milano nel 1985, anticipata dalla contestazione dei punx per la carenza di spazi autogestiti e case.
Photogallery da pellicole di Richard Kern
Snapshot da film dell'underground newyorchese anni Ottanta
1984 in Ticinese. Un tranquillo sabato di casino punk
Uno dei cortei spontanei che i punk erano soliti fare al sabato pomeriggio in Ticinese
31 marzo 1984. DOA al Leoncavallo
Quello della band hard-core canadese fu il primo gig punk al Leoncavallo
Henry Rollins live at Helter Skelter 1987
Esiste band più inumana?
Un concerto dei Raf Punk
Trasgressione formato famiglia.
Flycat e la crew dei "Pals with Dreams" bombardano la Metropolitana Milanese - 1989
Avventura notturna a decorare i treni e i muri. Con fuga finale