Gomma suggerisce la lettura di:

Ian Glasper
Anarcopunk. Il punk politico inglese (1980-1986)
460 pagine con decine di foto

INTERVISTE A E CONTRIBUTI DI: CRASS, POISON GIRLS, CONFLICT, FLUX OF PINK INDIANS, CHUMBAWAMBA, SUBHUMANS, DIRT, ICONS OF FILTH, ZOUNDS, ANTISECT, RUDIMENTARY PENI, RUBELLA BALLET, AMEBIX, HAGAR THE WOMB, MOB, OMEGA TRIBE, STALAG 17, OI POLLOI... E MOLTI ALTRI

AMERICAN PUNK HARDCORE di Steven Blush

464 pagine con centinaia di interviste, decine di foto e manifesti

Tutti i gruppi della scena: Black Flag, Minor Threat, Bad Brains, Bad Religion, Misfits, SS Decontrol, MDC, Adolescents, 7 seconds, Agnostic Front, Faith, e centinaia di altri.

Il libro definitivo sulla scena HC americana

NELLE MIGLIORI LIBRERIE E CENTRI SOCIALI!
compra online su ShaKe

 

“Ci vuole una mente hardcore per scrivere un libro hardcore. Sto parlando di un movimento su cui non esistono archivi, ribelle, indisciplinato, spontaneo. Ho scritto questo libro in puro stile HC, usando tutto quello che avevo” Stephen Blush

 

e ricordati che:

 

"Per suonare l'hardcore non hai bisogno di strofe e ritornelli, non hai bisogno di assoli, non hai bisogno di un cazzo!" Mike Watt – Minutemen

 

GOMMA SUGGERISCE

Video: La stanzina punk alla Calusca di Primo Moroni

03-11-07

Categoria: Updates



Io e Atomo raccontiamo come, insieme a Giacomo Spazio, entrammo in contatto con Primo Moroni nel 1984 ed aprimmo nella libreria Calusca uno spazio di distribuzione autonomo di materiale autoprodotto punk e simile.


calusca sado/maso
calusca sado/maso

Io e Atomo raccontiamo come, insieme a Giacomo Spazio, entrammo in contatto con Primo Moroni nel 1984 ed aprimmo nella libreria Calusca  uno spazio di distribuzione autonomo di materiale autoprodotto punk e simile. Il nostro ricordo della reazione dei "compagni" usuali frequentatori della libreria, le provocazioni dei punk e il graffito Sado/Maso sulle saracinesche.
I punk già portavano le loro fanzine e dischi alla Calusca (la più importante libreria di movimento italiana), ma il fatto di avere una stanzina dedicata fu un segnale importante verso tutto il movimento milanese (che spesso mal digeriva la nostra presenza). Intervista del 2006 di Raf Valvola, riprese Luciano Brancati.








LISTA COMMENTI

Nessun elemento
Nessun elemento trovato nel Guestbook

INSERISCI IL TUO COMMENTO

Nome *
Luogo *