Gomma suggerisce la lettura di:

Ian Glasper
Anarcopunk. Il punk politico inglese (1980-1986)
460 pagine con decine di foto

INTERVISTE A E CONTRIBUTI DI: CRASS, POISON GIRLS, CONFLICT, FLUX OF PINK INDIANS, CHUMBAWAMBA, SUBHUMANS, DIRT, ICONS OF FILTH, ZOUNDS, ANTISECT, RUDIMENTARY PENI, RUBELLA BALLET, AMEBIX, HAGAR THE WOMB, MOB, OMEGA TRIBE, STALAG 17, OI POLLOI... E MOLTI ALTRI

AMERICAN PUNK HARDCORE di Steven Blush

464 pagine con centinaia di interviste, decine di foto e manifesti

Tutti i gruppi della scena: Black Flag, Minor Threat, Bad Brains, Bad Religion, Misfits, SS Decontrol, MDC, Adolescents, 7 seconds, Agnostic Front, Faith, e centinaia di altri.

Il libro definitivo sulla scena HC americana

NELLE MIGLIORI LIBRERIE E CENTRI SOCIALI!
compra online su ShaKe

 

“Ci vuole una mente hardcore per scrivere un libro hardcore. Sto parlando di un movimento su cui non esistono archivi, ribelle, indisciplinato, spontaneo. Ho scritto questo libro in puro stile HC, usando tutto quello che avevo” Stephen Blush

 

e ricordati che:

 

"Per suonare l'hardcore non hai bisogno di strofe e ritornelli, non hai bisogno di assoli, non hai bisogno di un cazzo!" Mike Watt – Minutemen

 

GOMMA SUGGERISCE

Podcast 006 - I miei Radioman: Paolo Caliari

03-11-06

Categoria: Podcast Mp3 Radio



I "miei Radioman" sono quegli amici & fratelli da cui ho imparato a usare la radio. Saranno miei ospiti sul podcast. Il primo è Paolo. Che dovrebbe insegnare musicologia al Conservatorio, in realtà viaggia tra un Social forum e l'altro.



Paolo Caliari on the mixer - Foto by Gomma 2006

Non conosco molte persone capaci di spaziare da Beethoven a John Zorn, passando per Rakmaninov, transitando per Laurie Anderson, soffermandosi su Wagner, per finire agli Orbital, mentre si ascoltano The Pipes of Joujouka di Brian Jones. Uno di queste è Paolo Caliari. Ascoltalo e mi crederai. E' un pozzo di saperi musicali, che ho conosciuto perché faceva delle "notturne" pazzesche a Radio Popolare. Dotato del misterioso quanto raro "La naturale", sa riconoscere a orecchio le note. Oggi non spippola più con mixer e giradischi ma ha viaggiato tra Seattle e Nairobi perché crede in un mondo migliore/possibile.

I dischi li ha scelti lui: Patti Smith, Bill Evans, Ali Farka Touré, Diamanda Galas, Patrizio Fariselli.

 

Per gli amici di Paolo. Oggi (7 novembre) se n'è andata la mamma di Paolo. Stiamogli vicini.



Links:

CLICCA QUI PER ASCOLTARE/SCARICARE IL PODCAST






LISTA COMMENTI

bhonz da milano
  21-10-07 20:45
un inchino di fronte a bill evans

Al